home / i parchi / Giardini Botanici Hanbury
 

Giardini nelle vicinanze


Villa Durazzo Pallavicini


Un’opera considerata tra le più alte espressioni di giardino r... continua » 

Villa Garnier


Magnifico parco a terrazze con palme, piante d’agrume e molti... continua » 

Villa Serra


Parco all’inglese realizzato alla metà dell’ottocento, s... continua » 
cerca
Galleria fotografica

Giardini Botanici Hanbury

Giardini Botanici Hanbury

Corso Montecarlo, 46 Ventimiglia - Loc. La Mortola (Imperia)

http://www.giardinihanbury.com

I Giardini Botanici Hanbury sorgono sul promontorio della Mortola sulla costa ligure, a pochi chilometri dal confine francese. Occupano una superficie totale di 18 ettari (9 ettari costituiscono il vero e proprio Giardino e 9 sono occupati da vegetazione subspontanea), compresi nel territorio comunale di Ventimiglia, in provincia di Imperia. Il terreno degrada dalla collina fino al mare, come è tipico della costa ligure. 

 

 

L’aspetto paesaggistico è tipicamente all’inglese dove l’esotico è intimamente connesso con la flora mediterranea e con le antiche coltivazioni tradizionali, con vialetti irregolari e romantici rustici, pergolati e patii con la pittoresca vista del mare sullo sfondo. Il parco è anche attraversato da un tratto dell’antica strada consolare via Julia Augusta. I Giardini furono realizzati a partire dal 1867 grazie alla passione dal viaggiatore inglese Sir Thomas Hanbury

 

Dopo avere fatto fortuna a Shanghai egli decise di stabilirsi sulla costa ligure ed acquistò l’antica tenuta già dei marchesi Lanteri, successivamente Orengo, e, poi, i terreni circostanti su cui volle realizzare uno splendido giardino con piante di ogni specie provenienti da ogni parte del mondo. Restaurò e trasformò l’antico palazzo che si trova su uno sperone al centro del Parco. Il progetto fu iniziato dal fratello Daniel con il quale aveva uno splendido rapporto. Collaborarono alla realizzazione importanti progettisti e insigni botanici. La nascita dei giardini costituirono una occasione di sviluppo economico della zona e molti contadini del paese e delle frazioni circostanti ebbero modo di lavorare diventando abili giardinieri. 

 

Il giardino divenne ben presto rinomato in tutto il mondo. Alla morte di Sir Thomas, il botanico Alwin Berger portò avanti l’opera fino alla prima guerra mondiale. Dal 1919 fino al 1940 fu la nuora, Lady Dorothy, ad occuparsi dello sviluppo e della trasformazione di una parte del Complesso. Ma la seconda guerra mondiale determinò danni irreparabili. L’impossibilità da parte della famiglia di restaurare un patrimonio così profondamente ferito convinse Dorothy a porre in vendita il promontorio. Lo stato italiano, avvalendosi del diritto di prelazione, intervenne ed acquistò con due atti successivi del 1960 e del 1962, tutta la tenuta per una cifra totale di poco inferiore ai quattrocento milioni. 

 

Per le prime opere di bonifica e di restauro fu affidato all’Istituto Internazionale degli Studi Liguri fino al 1979. Dopo ulteriori vicissitudini, nel 1987 l’Università degli Studi di Genova ne assunse la gestione.

Ingresso

Prezzo Alta / Bassa stagione:

Intero € 9,00 / 7,50

Ridotto (Comitive, over 65, ragazzi 6/14 anni, convenzioni) 

€ 7,50 / 6,00

Scuole € 6,00 / 4,50

Famiglie € 25,00 / 20,00

Abbonamento annuale € 25,00 

Annuale ridotto over 65 o ragazzi 6/14 anni: €20,00

Visita guidata € 20,00 oltre l'ingresso

Attività didattiche € 2,00 oltre l'ingresso


Apertura

Primavera/autunno: 
dal 1° marzo al 15 giugno e dal 16 settembre al 15 di ottobre, ore 9.30/17 uscita entro le ore 18 

Estate: 
dal 16 giugno al 15 settembre, ore 9.30/18 uscita entro le ore 19 

Inverno: dal 16 ottobre al 28 febbraio, ore 9.30/16 uscita entro le ore 17

Dal 1° novembre al 28 febbraio CHIUSO IL LUNEDI' 


Altro

Leggi anche: 

Altre segnalazioni

Foto ©‎ Archivio GBH - foto Daniela Guglielmi


News

Concorso Fotografico OBIETTIVO HANBURY (23 Aprile - 3 Maggio 2010)


Mappa