home / news / I DUE VINCITORI DEL CONCORSO IL PARCO PIÙ BELLO D'ITALIA 2016
 

24 giugno

I 10 PARCHI PIU' BELLI D'ITALIA 2013!» continua...

14 novembre

VILLA LANTE A BAGNAIA È IL PARCO PIÙ BELLO D'ITALIA 2011» continua...

11 maggio

UNA PASSEGGIATA TRA I 10 GIARDINI PIÙ BELLI D’ITALIA» continua...

15 luglio

IL CASTELLO DI RACCONIGI E' IL PARCO PIU' BELLO D'ITALIA 2010!» continua...

» tutte le news

Il Parco del Giorno

Villa Il Cannone

La villa è immersa nel Parco di piante secolari con una fontana del '600 restaurata.

» approfondimento


I DUE VINCITORI DEL CONCORSO IL PARCO PIÙ BELLO D'ITALIA 2016


Il Comitato Scientifico del Premio Il Parco Più Bello d'Italia ha selezionato anche quest'anno i due parchi vincitori della XIV edizione del concorso "Il Parco Più Bello d'Italia", entrambi in Lombardia ma diversi per la loro storia e per l'emozione che offrono al visitatore. 

Questi due gioielli naturalistici sono stati selezionati tra gli oltre 1.000 partecipanti al concorso, iscritti al network dei Parchi Più Belli d'Italia e presenti nella guida online www.ilparcopiubello.it, che da oltre tredici anni è promotrice di un turismo verde alla scoperta dei gioielli del patrimonio paesaggistico e botanico italiano. 

Ecco dunque i due vincitori della XIV edizione del Premio Il Parco Più Bello d'Italia: 

è Il Parco Più Bello d'Italia 2016 per la categoria “Parchi Pubblici” 

è Il Parco Più Bello d'Italia 2016 per la categoria “Parchi Privati” 

Due parchi facilmente visitabili entrambi nel corso di uno stesso weekend: il Giardino di Villa Melzi d'Eril, affacciato sul Lago di Como, sapientemente curato e gestito dalla proprietà della famiglia Gallarati Scotti, e Villa Borromeo Visconti Litta, un vero polo culturale e botanico riportato agli antichi splendori dal Comune di Lainate.


In occasione dell'annuncio dei due vincitori 2016, Il Parco Più Bello lancia inoltre un sondaggio tra gli utenti del network e i visitatori dei Parchi e Giardini d'Italia, che potranno votare il loro preferito tra i 10 finalisti, ed eleggere così il "VINCITORE POPOLARE 2016". Partecipare è semplicissimo: basta cliccare su questo link e seguire le istruzioni.

I Parchi partecipanti alla votazione, selezionati dal Comitato Scientifico come i 10 finalisti 2016, sono: 
Villa della Regina (Torino) 
Oasi Zegna (Trivero, Biella) 
Villa Visconti Borromeo Litta (Lainate, Milano) 
Villa Melzi d'Eril (Bellagio, Como) 
Villa Pisani Bolognesi Scalabrin (Vescovana, Padova) 
Villa Sorra (Castelfranco Emilia) 
Villa Celle (Santomato, Pistoia) 
Giardino Buonaccorsi (Potenza Picena, Macerata) 
Villa Floridiana (Napoli) 

VOTA IL TUO FAVORITO >>>


I VINCITORI 2016 

Il giardino e il parco di Villa Melzi, che circondano su tre lati la residenza neoclassica progettata da G. Albertolli sfruttando le peculiarità dell’incantevole sito esteso tra la riva del lago e la retrostante collina, hanno conservato intatto l’assetto paesaggistico conferito loro due secoli orsono da L. Canonica e L. Villoresi grazie all’esemplare e ininterrotta manutenzione del complesso da parte della proprietà, passata per via ereditaria dai Melzi d’Eril ai Gallarati Scotti. 

Particolare attenzione merita la componente botanica che, nonostante gli inevitabili avvicendamenti, ha rispettato e valorizzato nel tempo l’originario rapporto tra pieni e vuoti e tra specie autoctone ed esotiche, tra cui le pregiate collezioni di camelie e di aceri giapponesi, mentre l’ampio viale rettilineo, delimitato da platani pluricentenari abilmente potati, asseconda la riva del lago esaltandone le visuali.

 


Il complesso di Villa Litta fu ideato dal conte Pirro I Visconti Borromeo, che alla fine del XVI secolo - avvalendosi della collaborazione di alcuni fra i migliori artisti lombardi - volle conferire ai propri possedimenti i caratteri ludici delle residenze nobiliari dell’Italia centrale, con giardini “all’italiana” e il meraviglioso Palazzo delle acque. Fulcro del giardino, il ninfeo è un capolavoro del Manierismo, articolato in più vani, rivestiti di conchiglie, adorni di sculture e mosaici; in esso sono stati ripristinati gli originari giuochi d’acqua, così come riportate a nuova vita, di recente, le antiche serre delle orchidee. 

Alla bellezza e importanza del ninfeo e del parco, restaurati con sapienza e rigore filologico, si aggiunge una gestione del complesso da parte di un’associazione che si avvale anche dell’apporto di volontari, con la regia del Comune di Lainate, proprietario del bene. Molto incisivo, ai fini della gestione, è il coinvolgimento della comunità locale, non solo mediante visite guidate (in particolare destinate anche alle scuole) ma anche attraverso numerose attività creative che uniscono il diletto alla conoscenza.
 

(Foto © VillaLittaLainate e FotoclubFotoinFuga)